ORARI E ORGANIZZAZIONE

La nostra proposta didattica si articola in 181 giorni, raggiungendo così il monte ore richiesto dalla normativa vigente. Si prevede la possibilità, in alcuni giorni di sabato, di svolgere attività laboratoriali, visite guidate, uscite didattiche, tornei sportivi, che andranno ad incrementare il monte ore annuale.

Le lezioni si svolgono da lunedì a venerdì con questa scansione:

Lunedì: ore 7.50 ingresso; ore 8.00 inizio lezioni; ore 13.45 termine lezioni.
Martedì, mercoledì e giovedì: ore 7.50 ingresso; ore 8.00 inizio lezioni; ore 13.15 termine lezioni.
Venerdì: ore 7.50 ingresso; ore 8.00 inizio lezioni; ore 16.00 termine lezioni.

Attività curricolari

L’ora di lezione è il momento privilegiato a disposizione dell’insegnante per spalancare i ragazzi alla realtà, a tutta la realtà, pur guardata attraverso la sfaccettatura, il punto di vista, il linguaggio della propria disciplina. Le diverse materie sono la risorsa per allargare gli orizzonti, non il contenitore degli argomenti da trattare.

Le materie scolastiche rappresentano la più grande opportunità, offerta agli allievi, di acquisire prospettive diverse per penetrare la complessità del reale svelandone contenuti, nessi, significati: in questo consiste l’imparare. Nella scuola ciò avviene sotto la guida di un maestro.

Altri ambiti concorrono al maturare della conoscenza, ma è la scuola quello dell’apprendimento insegnato, di un apprendimento cioè che avviene dentro la relazione educativa con un adulto insegnante.

Piano orario settimanale

DISCIPLINA
SPAZI ORARI
Religione
1 ora
Lingua italiana
7 ore
Storia/Educazione civica
2 ore
Geografia
2 ore
Inglese
3 ore
Spagnolo
2 ore
Matematica
4 ore
Scienze
2 ore
Arte
2 ore
Tecnologia/Informatica
2 ore
Musica
2 ore
Scienze motorie
2 ore

Attività complementari del curricolo

Le uscite didattiche e i viaggi d’istruzione non sono né semplici integrazioni al curricolo, né mere occasioni di “socializzazione” tra allievi e insegnanti, ma contribuiscono a dare corpo di esperienza vissuta al progetto educativo della Scuola. Ciò che le lezioni hanno comunicato con i propri strumenti tipici, viene in queste occasioni incontrato dal vivo dagli allievi.

Strettamente integrate nel curricolo di studio, le uscite vengono accuratamente preparate cosicché gli allievi, in ciò che vedono in quelle occasioni ritrovino i nessi con quanto ascoltato e studiato in classe e ne maturino una più ricca consapevolezza.

Tradizionalmente la scuola propone due tipi di uscita: le uscite sul territorio, che hanno la durata di una mattinata o di un’intera giornata; i viaggi di istruzione, che hanno la durata di due o più giorni.

Attività pomeridiane extracurricolari

La partecipazione alle attività opzionali è una possibilità offerta a completamento del percorso scolastico di ciascun alunno. Riteniamo importante, perciò, far presente che un confronto con gli insegnanti può essere utile per verificare le scelte fatte, nella direzione di favorire un’esperienza scolastica più ricca e proficua.

Doposcuola

Tutti gli studenti le cui famiglie richiedano il servizio, sotto la guida di un docente della scuola, vengono accompagnati nello svolgimento dei compiti assegnati durante le ore di lezione. Durante l’attuale anno scolastico il doposcuola si svolge il lunedì e il mercoledì fino alle ore 16.00.

Laboratorio musicale coro e orchestra

Il laboratorio di canto corale si sviluppa durante tutto il corso dell’anno  scolastico e si propone di offrire uno spazio all’interno del quale ogni ragazzo possa vivere un’esperienza di relazione e condivisione con i propri compagni. Il coro accompagnerà i momenti più importanti della vita della scuola: la S. Messa di inizio anno, la festa di Natale, la Via Crucis, lo spettacolo di fine anno…

Laboratorio tecnico-artistico

Il laboratorio ha come obiettivo, attraverso la realizzazione di manufatti, la sperimentazione di diversi materiali, delle tecniche e delle strumentazioni adeguate, per sviluppare la creatività e la criticità degli alunni per un uso più consapevole in fase di progettazione.

Laboratorio di drammatizzazione in lingua inglese

Si tratta di un’attività che diventa un grande strumento di motivazione allo studio della lingua inglese; l’essere immersi in un ‘ruolo’ consente una maggiore libertà linguistica, l’uso di musiche con diversi ritmi e suoni facilita lo sviluppo della coordinazione, la memorizzazione di brevi parti favorisce la concentrazione sul lavoro, mentre il fidarsi del compagni di scena fortifica la costruzione di un’unità corale.

Certificazione Europea British

Gli studenti di seconda e terza media vengono accompagnati dall’insegnante madrelingua nella preparazione degli esami validi per la certificazione di competenza europea.

Laboratorio di teatro

Il tentativo di recitare, di portare in vita delle parole che sono inizialmente scritte, porta il ragazzo a doversi confrontare in prima persona con quello che ha di fronte e a mettersi in gioco totalmente all’interno del percorso conoscitivo. Attraverso questo laboratorio si propone di realizzare uno spettacolo teatrale, in modo tale che il ragazzo possa incontrare questa affascinante forma d’arte e venga stimolato a porsi domande e a sviluppare la propria capacità immaginativa e creativa.

Laboratorio web

Nel corso di programmazione web si introduce lo studente alla conoscenza dei linguaggi più comuni utilizzati per la programmazione web (HTML 5, CSS 3, Javascript). L’obiettivo è di acquisirne una conoscenza di base che permetta di creare un proprio sito web che può essere pubblicato online. Il corso è pensato per i ragazzi di terza media perché più in grado di assimilare un linguaggio di programmazione.

Laboratorio di sostegno e recupero

Gli studenti che evidenziano, nel corso dell’anno scolastico, particolari difficoltà o lacune vengono invitati dall’insegnante curricolare (nelle materie Italiano, Matematica, Inglese) a frequentare un’attività mirata di recupero delle competenze fondamentali. La presenza di un numero ristretto di studenti garantisce un intervento più efficace da parte del docente e una partecipazione più attiva dell’alunno.

Print Friendly