GITA DI INIZIO ANNO DELLA PRIMARIA ALL’ISOLA COMACINA

Come da tradizione noi insegnanti desideriamo iniziare l’anno scolastico vivendo con i nostri alunni un’intera giornata all’insegna della bellezza.
Per quest’anno i maestri Pietro, Valeriya e Clara hanno proposto come meta l’isola Comacina. La preparazione è stata abbastanza macchinosa ma il risultato conferma che ne è valsa la pena.

Il 21 settembre tutti i “san carlini” accompagnati dagli insegnanti e guidati dalla coordinatrice Bianca si sono ritrovati immersi nello splendore del paesaggio lacustre che è stato oggetto di un lavoro di indagine archeologica, pittorica e… ludica!

Ogni classe con la rispettiva parallela è stata aiutata dalla guida a esplorare l’isola, ciascuna secondo un diverso punto di vista. Dopo l’ora di pranzo consumato rigorosamente al sacco, ci si è seduti su un pratone all’ombra (con lo sguardo su un paesaggio mozzafiato!) per ascoltare la spiegazione dell’obiettivo educativo annuale da parte di Bianca: “C’è uno sguardo che mi apre a…”. Ripetendo le parole dell’obiettivo la coordinatrice chiede ai bambini di pensare qualche esempio, qualche fatto accaduto nei primi giorni di scuola che faccia capire da CHI si sono sentiti guardati e a che cosa si sono aperti.

I bambini sorprendono sempre e anche questa volta in molti si sono avvicinati baldanzosi al microfono di Bianca e hanno raccontato: “Mi sono sentito guardato dalla maestra perché mi ha aiutato a scrivere le parole”, “Mi sono aperto alla conoscenza della storia perché la maestra me l’ha spiegata”, “Mi sono sentito guardato dal mio compagno perché mi ha prestato la gomma”…

Bianca riassume così la ricchezza di ciò che hanno raccontato i bambini: “Che Gesù ci doni il Suo sguardo attraverso lo sguardo di chi ci sta accanto”.

Arricchiti dalle parole della nostra coordinatrice e dalle testimonianze dei bambini torniamo a scuola felici con la certezza che c’è UNO SGUARDO su ciascuno e sulla nostra bella scuola che ci fa gustare fino in fondo ogni circostanza.

Maestra Lorena