Quante volte ci siamo trovati di fronte alle scomode domande dei nostri figli senza sapere quale fosse il modo più corretto per rispondere? E quante volte invece, nelle loro grandi domande, abbiamo trovato conferme di ciò che avevamo dimenticato. O almeno relegato nel cassetto della memoria. Proprio attraverso la sensibilità verso la dimensione religiosa dei bambini e l’aiuto di Suor Maria Gloria Riva, fondatrice della Comunità Monastica dell’Adorazione Eucaristica a Pietrarubbia – che coltiva da sempre una grande passione per l’arte e lo studio delle Sacre Scritture – durante l’incontro annuale della Scuola San Carlo Borromeo e della comunità pastorale di Inverigo, si è cercato di abbracciare la consapevolezza alla vocazione di genitori e di insegnanti.

“E’ infatti dalle domande dei bambini e dall’educazione della loro coscienza religiosa fin dalla prima infanzia che si formano gli uomini”, spiega, Suor Maria Gloria. “Perché un bambino diventi un uomo, infatti, occorre consegnargli la verità: i nostri figli percepiscono alcune realtà esattamente come farebbe un adulto anche se non riescono a capirne tutte le ragioni. Sviluppare la coscienza significa aiutare il bambino a scegliere bene nella vita, a comprendere chi è e che cosa deve fare”. Ma per questo occorre che anche l’adulto sia formato, per non andare incontro a fallimenti educativi.

Genitori e insegnanti necessitano di una “capacità reale di prendersi le proprie responsabilità”, spiega ancora la religiosa che dalla Creazione di Michelangelo fino all’Ultima cena del pittore tedesco Sighel Koder è riuscita nella sfida di rispondere, da adulti, alle domande dei bambini. Se Dio ha creato il mondo, chi ha creato Dio? Perché esiste il Male? Il Demonio è potente come Dio? Dove andiamo quando moriamo? Nel Paradiso c’è il mare? Tutti quesiti leciti cui è difficile trovare un riscontro persino “da grandi”. Ma si sa, i bambini, spesso, sono più bravi di noi a capire ciò che è bene e ciò che è male, a volersi bene senza scendere a compromessi e a gioire per la felicità degli altri. Impariamo quindi da loro a guardare il mondo e la realtà con quell’innocenza e spensieratezza che li contraddistingue, ma insegniamo loro però che per essere veri uomini bisogna prima essere “veri” bambini.

Alessia Sironi

  Scarica la trascrizione completa dell’incontro con Suor Maria Gloria

 

Scuola San Carlo Borromeo

La scuola San Carlo si ispira ai principi costituzionali della Repubblica Italiana e si inserisce nella tradizione educativa della Chiesa Cattolica, fondata sulla certezza che Cristo è il senso della vita e della storia e, di conseguenza, anche dell’esperienza educativa.

I nostri recapiti

Via Trento 3, 22044 Inverigo (Co)

031 609156 - 031 3591574

segreteria@scuolasancarlo.it

Dove siamo

Scuola San Carlo Borromeo. IN VERE VICUS coop. soc. P. IVA e Cod. Fisc. 01816340135
Informativa Cookie | Informativa Privacy